Dallo Specchio allo Speculum: risignificazione del corpo femminile

Da secoli il corpo è considerato come un biglietto da visita, la propria carta d’identità. «Quello che vedi sei», come se fosse un involucro di esteriorità, l’essere di una persona è definito dalla propria immagine esterna, da come appare. Secondo l’etimo di ‘corpo’, esso è appunto «forma, immagine», e secondo gli antichi, il vero e proprio contenitore dell’anima. Vale anche per le donne?

Di come il genere non sia una questione di etichetta. Rotte per un mare di gender

Overture della rubrica Un mare di Gender. Qui si parla di uguaglianza di genere o al di là del genere, di dialogo tra diverse generazioni di femminismi e di un festival che si è proposto di metterle in connessione. Cosa abbiamo imparato dalle femministe che ci hanno preceduto e quale eredità trasmetteremo a quelle che …

Leggi tutto