Ulysses: l’ordine del caos

Ἦ τοι μὲν πρώτιστα Χάος γένετ᾽, ‘Dunque, per primo fu il Chaos’. Così si apre la Teogonia di Esiodo, uno dei più antichi poemi mitologici sull’origine del mondo. Una ‘voragine oscura’ che racchiude tutto l’universo, che solo in seguito ha acquisito il significato di ‘disordine’, ‘confusione’, ‘turbamento’, e alla quale molti scrittori hanno cercato di un senso, un ordine.

La natura cambia, l’Io risponde: Andrea Zanzotto e il suo appello al Mondo

Andrea Zanzotto è il poeta dell’io Dietro il paesaggio (1951) che si cala, cela e nasconde nella purezza e nel contatto con le origini. Cosa comunica la sua poesia nel momento in cui il paesaggio, la società, i rapporti tra le persone cambiano? Il suo invito a produrre nuovo linguaggio si traduce nell’invito a pensare e formulare un nuovo modo di relazionarsi alla natura e all’ambiente che ci circonda.

Il mondo social: superamento di limiti o nascita di barriere?

L’invenzione dei social network e l’utilizzo ormai vitale di Internet ha permesso di accorciare distanze e abbattere barriere, arrivando a confondere reale e immaginario, fisico e virtuale, laddove tutto è immediato e l’unica barriera tangibile è lo schermo. Ma siamo davvero sicuri che così facendo non si siano creati nuovi limiti?